Analisi di una recessione scampata nel 2024

La crescita economica globale, misurata dal PIL, tende a raggiungere una media del 3% nel lungo periodo. Quest’anno è prevista una crescita globale inferiore alla media del 2,5% (vedi grafico seguente) dopo il 3,1% nel 2023. Istituzioni come il FMI sono più ottimiste, stimando il 3,1% per il 2024 e il 3,2% per il 2025.

La “mappa termica” di seguito mostra l’evoluzione della crescita economica nelle maggiori economie del mondo. La crescita del PIL nel 2023 è stata più debole rispetto al 2021, in particolare in Europa e in alcune parti del mondo emergente.

Facciamo spesso riferimento agli indici dei responsabili degli acquisti (o PMI) come indicatori anticipatori della crescita delle aziende manifatturiere e dei servizi. Il PMI composito (che è una media ponderata delle condizioni del settore manifatturiero e dei servizi) ha ripreso una tendenza al rialzo dalla fine del 2023 (vedere il grafico seguente), con condizioni migliori sia per le imprese manifatturiere che per quelle dei servizi, un segnale positivo per la crescita globale e non in linea con una flessione generale.

Gli Stati Uniti rimarranno a prova di recessione?

La forza dell’economia statunitense è spesso un barometro per il resto del mondo attraverso il dato della domanda, essendo la più grande economia del mondo, e quello dei mercati finanziari, con molti dei principali mercati azionari, valutari e a reddito fisso che prendono il comando dagli Stati Uniti.

La forza dell’economia statunitense nel 2023, nonostante l’inasprimento dei tassi di interesse dall’inizio del 2022, è stata sorprendente. La crescita del PIL nel trimestre di dicembre del 2023 è stata del 3,3% annualizzato e le attuali aspettative per il trimestre di marzo di quest’anno si attestano al 3,4%. La spesa per consumi è stata la componente più forte della crescita, con contributi positivi provenienti dalla spesa pubblica e dagli investimenti delle imprese private, mentre le esportazioni nette e le scorte hanno penalizzato la crescita.

Nonostante questa forza, c’è ancora una moderata possibilità di una recessione negli Stati Uniti nel 2024, secondo alcuni indicatori anticipatori come la curva dei rendimenti invertita, i nuovi ordini ISM, alcune misure della fiducia dei consumatori e gli standard di prestito.

Il mercato del lavoro si sta indebolendo, con gli annunci di lavoro in calo e il tasso di disoccupazione in aumento (anche se è ancora basso rispetto alla storia).

L’inflazione è scesa al 3,1% su base annua e riteniamo che raggiungerà il 2,5% entro dicembre, poiché la crescita salariale si modera e contribuisce a ridurre l’inflazione dei servizi, il che dovrebbe consentire alla Federal Reserve americana di tagliare i tassi di interesse entro la metà del 2024. Prevediamo che la crescita del PIL rallenterà all’1,4% nel corso dell’anno fino a dicembre, ben al di sotto dei livelli del 2023, ma non del tutto coerente con una recessione, il che è positivo per la crescita degli utili statunitensi e per il mercato azionario.

L’economia dell’Eurozona dovrà lottare senza tagli dei tassi

La crescita del PIL dell’Eurozona è aumentata di poco nell’ultimo anno, con una crescita del PIL che alla fine del 2023 sarà pari solo allo 0,1% su base annua. La debolezza è evidente in Germania, Francia e Italia, mentre la Spagna continua a resistere (si veda il grafico seguente).

La crescita dell’Eurozona ha sofferto del rallentamento della produzione globale e del calo delle importazioni cinesi, che hanno pesato sulle esportazioni nette dell’Eurozona. L’inflazione è scesa al 2,8% nel corso dell’anno fino a gennaio (secondo l’IPC principale), in calo rispetto al suo massimo ciclico del 10,6% nell’ottobre 2022. Riteniamo che il contesto di scarsa crescita e il progresso dell’inflazione spingeranno la Banca Centrale Europea a iniziare a tagliare i tassi di interesse verso la metà dell’anno, o poco prima. Un miglioramento delle condizioni manifatturiere globali nel 2024 (secondo il PMI) e i tagli dei tassi dovrebbero portare la crescita dell’Eurozona allo 0,9% nel 2024, in miglioramento rispetto allo scorso anno.

La Cina ha bisogno di maggiori stimoli... ma potrebbe non ottenerli

L’economia cinese si trova ad affrontare numerosi ostacoli simultanei alla crescita. I lunghi lockdown legati al COVID-19 hanno avuto un forte impatto negativo sulla spesa dei consumatori (in particolare per i servizi), che deve ancora riprendersi completamente, il mercato immobiliare deve fare i conti con un eccesso di stock immobiliare, investimenti eccessivi e problemi con i costruttori, l’invecchiamento della popolazione ha ridotto la forza lavoro la produttività e la partecipazione e le azioni cinesi sono scese di oltre il 40% rispetto ai massimi del 2021, il che è negativo per la fiducia dei consumatori poiché molti cinesi utilizzano il mercato azionario come investimento (in assenza di un sistema pensionistico).

Riflettendo le condizioni di crescita debole, i prezzi al consumo cinesi sono in deflazione al -0,8% su base annua fino a gennaio (vedere il grafico seguente), il che pesa sugli utili aziendali, sui salari delle famiglie e deprime il sentiment.

I politici hanno concentrato le misure di stimolo sulla riduzione dei costi di finanziamento, sull’aumento delle emissioni di obbligazioni societarie e su programmi infrastrutturali mirati.

Ma, senza ulteriori misure di allentamento monetario e fiscale (in particolare affinché le famiglie aumentino la fiducia e incoraggino la spesa anziché il risparmio), la crescita cinese rimarrà contenuta. Prevediamo una crescita del PIL pari a circa il 4,6% nel 2024 e al 3% nel prossimo decennio. Si tratta di un tasso molto più basso di quello a cui il mondo era abituato, dato che la Cina cresceva a circa il 10% tra il 2006 e il 2010, anche se, dato che l’economia cinese è ora più del doppio di quella di allora, c’è ancora un vantaggio positivo e positivo. contributo considerevole alla crescita globale e alla domanda di materie prime (che è importante per l’Australia).

Quando inizierà il Giappone a inasprire la sua politica monetaria?

La Banca del Giappone è l’ultima grande banca centrale a non aver inasprito la politica monetaria nel periodo post-COVID. L’attuale tasso ufficiale è al -0,1% e i tassi di interesse oscillano tra il -0,1% e lo 0,5% dalla fine degli anni ’90. I bassi tassi di interesse rispetto ai concorrenti globali hanno visto lo yen giapponese deprezzarsi di oltre il 30% dal 2022. Tuttavia, la pressione sulla Banca del Giappone sta aumentando affinché inizi a inasprire la politica monetaria.

La Banca del Giappone ha già allentato il suo obiettivo di controllo della curva dei rendimenti sui rendimenti obbligazionari e il prossimo passo sarà quello di rimuovere completamente il controllo dei rendimenti prima di aumentare eventualmente i tassi di interesse. L’inflazione complessiva dei prezzi al consumo è pari al 2,6% su base annua fino a dicembre 2023 e al 2,8% per l’inflazione core (che esclude cibo ed energia).

Tuttavia, la difficoltà storica del Giappone nel sollevare e sostenere l’inflazione e le aspettative di inflazione e i recenti scarsi risultati in termini di crescita del PIL (che hanno visto la crescita del PIL crollare nei trimestri di settembre e dicembre 2023, il che significa una recessione tecnica) significano che la Banca del Giappone procederà con cautela nell’aumentare i tassi e quest’anno sono probabili solo 10-20 punti base di rialzi dei tassi.

Implicazioni per gli investitori dal consulente finanziario

Il 2024 sarà probabilmente un anno di crescita più lenta del PIL in tutto il mondo, ma una recessione globale è improbabile. Si tratta quindi di una buona notizia per gli utili globali e i mercati azionari, e prevediamo che le azioni globali registreranno rendimenti positivi intorno al 7% nel 2024. Un ulteriore calo dell’inflazione globale consentirà a numerose banche centrali globali di iniziare a tagliare i tassi di interesse entro la fine dell’anno, il che aprirà la strada a una crescita globale più forte nel 2025.

La geopolitica è sempre importante per gli investitori, ma nel 2024 ciò potrebbe avere ancora più importanza poiché circa il 50% della popolazione mondiale avrà un’elezione. Le elezioni causano incertezza e potenziali cambiamenti che probabilmente determineranno ulteriore volatilità nei mercati azionari. Le elezioni presidenziali statunitensi di novembre rappresentano un importante evento di rischio sia per gli Stati Uniti che per il mondo, soprattutto a causa del potenziale impatto delle elezioni sulla politica fiscale statunitense (e su come ciò si traduce in rendimenti obbligazionari) e sulla politica commerciale statunitense (soprattutto per quanto riguarda in Cina).

Le questioni geopolitiche spesso causano anche sconvolgimenti nei prezzi delle materie prime e nei costi di trasporto globali, che incidono sull’inflazione. Anche un secondo aumento dell’inflazione o un’inflazione persistentemente elevata rappresentano un rischio per le economie sviluppate nel 2024, il che ritarderebbe l’inizio dei tagli dei tassi di interesse da parte delle banche centrali.

 


Dove guarda ARK per il futuro: 3 temi dal rapporto Big Ideas 2024

Dai regni della fantascienza al mondo reale: robot e droni sono tra le innovazioni dirompenti e le tecnologie in via di sviluppo che ARK Invest di Cathie Wood evidenzia nel suo ultimo rapporto di ricerca annuale Big Ideas.

“Con la convinzione che l'innovazione sia fondamentale non solo per la crescita ma anche per la resilienza, ARK sottolinea la necessità di un'allocazione strategica all'innovazione nel portafoglio di ogni investitore”, osserva il preambolo del rapporto.

“Questo approccio mira a sfruttare le opportunità di crescita esponenziale spesso trascurate negli indici ad ampio spettro, fornendo allo stesso tempo una copertura contro i rischi posti dagli operatori storici che si trovano ad affrontare eventuali interruzioni”.

Il rapporto suggerisce che il valore del mercato azionario globale associato all’“innovazione dirompente” potrebbe aumentare dall’attuale 16% del totale a oltre il 60% entro il 2030.

“Di conseguenza, il rendimento azionario annualizzato associato all’innovazione dirompente potrebbe superare il 40% nei prossimi sette anni, aumentando la sua capitalizzazione di mercato da circa 19mila miliardi di dollari attuali a circa 220mila miliardi di dollari entro il 2030”, osserva.

Il rapporto completo è lungo più di 160 pagine, ma in questo articolo abbiamo selezionato alcune aree del rapporto.

Veicoli elettrici

La maggior parte di noi ha ormai sentito parlare di Tesla ( NASDAQ: TSLA )  e del suo colorato CEO Elon Musk. Potrebbe essere il marchio più riconosciuto nel settore dei veicoli elettrici, ma non è affatto l'unico.

Il rapporto ARK fa riferimento più volte alla Legge di Wright: le tecnologie che seguono la Legge di Wright, osservata da Theodore Wright nel 1938, diventano più economiche a un ritmo costante, man mano che aumenta la produzione cumulativa di quella tecnologia. Nel contesto dei veicoli elettrici, il costo delle batterie sta diminuendo, il che sta spingendo al ribasso il prezzo dei veicoli. Questo è in gran parte il motivo per cui ARK prevede che le vendite di veicoli elettrici aumenteranno del 33%, da circa 10 milioni nel 2023 a 74 milioni in tutto il mondo nel 2030.

“Se i veicoli elettrici continueranno a guadagnare quota, come crediamo, allora le auto usate e i nuovi veicoli elettrici avranno più senso economico rispetto ai nuovi veicoli con motore a combustione interna (ICE), forse causando una spirale mortale per i produttori automobilistici storici”, scrive ARK.

Fonti: ARK Investment Management LLC, 2024. Questa analisi di ARK si basa su una serie di dati sottostanti provenienti da fonti esterne.

Robotica

Il rapporto ARK richiama anche la Legge di Wright nella sua discussione sulla robotica, sottolineando che l'intelligenza artificiale, combinata con la diminuzione dei costi di hardware e software, sta migliorando la produttività. A sua volta, ciò sta stimolando la domanda e creando nuove opportunità di mercato per quella che viene definita “robotica generalizzabile”, che potrebbe generare un fatturato annuo di oltre 24 trilioni di dollari.

Questi robot vengono già impiegati in più parti dell’ambiente economico globale, tra cui:

  • Militare,
  • Agricoltura,
  • Costruzione, e
  • Medico.

Inoltre, vengono sempre più utilizzati negli ambienti di consumo, nei magazzini e nelle famiglie.

I robot sono destinati a funzionare in modo economicamente vantaggioso in ambienti non strutturati

Fonti: ARK Investment Management LLC, 2024. Questa analisi di ARK si basa su una serie di dati sottostanti provenienti da fonti esterne, che possono essere forniti su richiesta. Le previsioni sono intrinsecamente limitate e non sono affidabili.

Il rapporto rileva che il costo dei robot industriali è diminuito del 50% per ogni raddoppio cumulativo della produzione.

“È probabile che i robot collaborativi e gli esseri umani operino insieme, sia sulla strada, nelle fabbriche o a casa. Storicamente, le curve a S raggiungono punti critici quando l’adozione di nuove tecnologie si avvicina al 10-20% della quota di mercato”.

La “Curva a S” si riferisce alla tipica curva di adozione della tecnologia, che appare come una “S” se tracciata nel tempo.

Sempre più spesso i robot vengono utilizzati dalle aziende, in particolare per “liberare gli esseri umani da noiosi compiti fisici”, afferma il rapporto ARK.  Nel grafico seguente viene indicato Amazon ( NASDAQ: AMZN ) come esempio evidente.

Nell’ambito delle industrie manifatturiere, si rileva che la robotica potrebbe aggiungere circa 28,5 trilioni di dollari al PIL manifatturiero globale entro il 2030.

Logistica autonoma

Un’altra area in cui ARK ritiene che l’automazione abbia un enorme potenziale è il modo in cui può ridurre i costi e alterare le catene di approvvigionamento.

“La logistica autonoma dovrebbe ridurre i costi di spostamento delle merci di 15 volte nei prossimi cinque-dieci anni”, afferma il rapporto.

“Droni e robot autonomi hanno effettuato milioni di consegne, mentre le società di autotrasporto autonome hanno percorso decine di milioni di miglia e stanno iniziando a rimuovere gli autisti addetti alla sicurezza”.

Questi cambiamenti si riversano anche in altre aree: il rapporto rileva che le operazioni autonome stanno modificando il comportamento di acquisto e incidendo sull’assistenza sanitaria accelerando la consegna di forniture salvavita, soprattutto nei mercati emergenti.

“Secondo la ricerca di ARK, i ricavi delle consegne autonome potrebbero passare da sostanzialmente zero oggi a 900 miliardi di dollari nel 2030”.

I veicoli autonomi che viaggiano e volano potrebbero ridurre i costi della catena di approvvigionamento

Fonte: ARK Investment Management LLC, 2024. Questa analisi ARK si basa su una serie di dati sottostanti provenienti da fonti esterne al 7 dicembre 2023. Le previsioni sono intrinsecamente limitate e su cui non è possibile fare affidamento.

Il rapporto rileva inoltre che le aziende con i maggiori volumi di dati reali probabilmente avranno un vantaggio competitivo nello sfruttare la logistica autonoma.

ARK stima che i ricavi derivanti dalla consegna autonoma potrebbero raggiungere i 900 miliardi di dollari entro il 2030. Suddiviso, ciò riflette il potenziale aumento di 450 miliardi di dollari delle entrate derivanti dalle consegne di cibo e pacchi tramite robot e droni e 450 dollari dai ricavi dei trasporti autonomi.

Agricoltura di precisione

Un’altra parte del più ampio tema della logistica automatizzata, il rapporto cita la continua automazione e i miglioramenti della resa nell’allevamento, nei transgenici e nei prodotti biologici agricoli (che sono prodotti derivati ​​da microrganismi presenti in natura).

Cosa significa questo? Per le aziende agricole, ciò potrebbe comportare un risparmio sui costi e una generazione di commissioni paragonabili ai margini attualmente ottenuti dalle aziende di software.

“Di conseguenza, il valore della loro impresa collettiva potrebbe all’incirca raddoppiare fino a circa 600 miliardi di dollari su larga scala”.

 

 


PROGETTO RISPARMIO: far studiare mio figlio

Uno degli obiettivi di ogni famiglia è cercare di dare le migliori prospettive di vita alla progenie. Ma quanto costa far studiare i propri figli?
Le famiglie italiane ogni anno pagano 9 miliardi e 101 milioni per far studiare i figli. Un fiume di denaro, anzi, un oceano di soldi che ha pochi eguali in Europa. Quindi se avete un figlio considerate che: un miliardo e 158 milioni di euro (833,2 euro a bambino) vanno per la scuola materna, che in Italia molto spesso è privata; un altro miliardo e 676,9 milioni (378 euro ad alunno) vengono spesi per i cicli delle elementari e delle medie, mentre 688,7 milioni (237,9 euro a studente) se ne vanno per far frequentare le scuole superiori. Ma questo è ancora niente. Già, perché gli esborsi più importanti arrivano quando i ragazzi vanno all’Università.

 

Gli studi universitari, infatti, succhiano da soli il 61,3% di tutta la spesa privata delle famiglie italiane in istruzione: 5 miliardi e 579 milioni di euro. Praticamente avere un figlio all’Università costa 2.717 euro a studente, al netto di borse di studio e sussidi. Se escludiamo il Regno Unito, in cui l’istruzione terziaria segue un modello più simile a quello americano, solo in Spagna e Irlanda le famiglie pagano di più.

Si dirà: il dato è dovuto alle costose università private che alzano la media. Non proprio, perché sul totale delle università italiane quelle private accolgono ben pochi studenti, anche se è vero che per frequentare l’Università Bocconi si può spendere fino a 16.103, la Luiss 15mila euro, lo IULM 9.956 euro all’anno.

I costi naturalmente lievitano se i figli decidono di frequentare gli ormai indispensabili master post-laurea. Per Almalaurea e Sole24Ore in Italia si può scegliere tra ben 68 alternative e alcuni di questi arrivano a costare anche più di 20mila euro. L’MBA (Master in Business Administration) dell’Università Bocconi, quello del Politecnico di Milano e quello della Luiss di Roma sfondano tranquillamente quota 35mila euro. Più economici (si fa per dire) sono i master dello Ied (Istituto Europeo di Design) sul mondo del fashion, del design, della comunicazione, per i quali si deve sborsare 20.100 euro.

 

Tasse alte, costi alti, numero di laureati basso

In Italia, comunque, solo il 18,2% degli studenti frequenta atenei privati, mentre in Europa la percentuale è del 19,6%, e ancora meno seguono master costosi. La ragione principale dell’alta spesa delle famiglie è che da noi le tasse universitarie sono più alte che in altri Paesi. Mediamente, secondo Eurydice (una rete europea di informazione sull’educazione), le tasse universitarie ammontano a 1.592 euro, molto di più che, per esempio, in Germania e Francia, dove per moltissimi studenti lo studio universitario è (quasi) gratuito. A versare di più in tasse universitarie sono solo gli studenti olandesi, lettoni e lituani.Alle tasse si aggiungono le spese del mantenimento di chi è fuori sede. Secondo il Sole24Ore i ragazzi che studiano in una città diversa da quella di residenza sono più di 800mila (anno accademico 2021-22) e costano almeno 10mila all’anno alle famiglie, con ovvie differenze in base alla città in cui ha sede l’ateneo. Secondo i calcoli dell’Udu (Unione Degli Universitari), che a vitto e alloggio aggiungono anche eventuali attività culturali, i costi dei trasporti per il ritorno periodico a casa o quelli del medico di base per i non residenti, si arriva anche a 17mila euro.Tutto questo ha giganteschi effetti sulla pianificazione finanziaria delle famiglie, che vedremo più avanti, ma ha anche effetti paradossali sulla società italiana. Da noi, infatti, nonostante gli studi siano costosissimi, in pochi arrivano alla laurea: solo il 29,2% di chi ha tra i 25 e i 34 anni ha un titolo universitario, peggio di noi fa solo la Romania con il suo 24,7%, mentre la media Ue è del 42%.

 

Gli investimenti pubblici in istruzione non bastano

Il fatto è che nel corso degli anni la crescita della spesa delle famiglie è stata veramente enorme: tra 2012 e 2020 i costi per studente sono aumentati del 30,7%. Ed è ovvio che sia così se si guarda a quello che spende lo Stato: tra il 2013 e il 2020 l’incremento della spesa per studente è stata solo del 3,5%, appena in linea con il carovita e, quindi, di fatto la crescita è stata zero. A differenza di quella privata, la spesa pubblica è decisamente inferiore alla media europea, 7.137,8 euro per iscritto contro 10.017,3. È vero, i bilanci dei vari Paesi sono differenti, ma anche mettendo in relazione i dati con il prodotto interno lordo le differenze rimangono: lo Stato italiano per l’istruzione universitaria spende lo 0,88% del Pil contro l’1,27% medio nella Ue. Se il discorso si allarga a tutta l’istruzione, a partire dalla scuola materna, l’impegno del settore pubblico corrisponde al 4,44% del prodotto interno lordo, una percentuale (ancora) inferiore alla media dell’Unione Europea, che è del 5,02%. Ed è chiaro che se i soldi non ce li mette lo Stato, ce li deve mettere la famiglia.

 

Un laureato guadagna di più

Torniamo agli studi universitari. Non sono inclusi nell’obbligo scolastico, si tratta perciò di una scelta che le famiglie e gli studenti fanno autonomamente, ed è a tutti gli effetti un investimento per il futuro che prevede che a fronte di costi non indifferenti vi sia un ritorno in termini di maggiori salari. Ora: se moltiplichiamo i 2.717 euro annui versati dai privati per l’istruzione universitaria di un figlio per cinque (il numero di anni di un percorso completo) abbiamo un esborso complessivo di 13.585 euro.Ne vale la pena? La risposta è sì. I dati dell’Ocse dicono che in Italia il 43% dei lavoratori laureati guadagna uno stipendio superiore di almeno il 50% alla mediana e che solo il 24% dei diplomati può ambire ad avere un salario superiore alla mediana.
Detto in termini ancora più concreti: un laureato tra i 25 e i 34 anni, quindi appena dopo il termine degli studi, ha uno stipendio del 17,2% maggiore di quello di chi non è andato oltre il diploma. L’investimento effettuato dalle famiglie negli studi universitari dei figli viene così ripagato in un numero relativamente breve di anni. Certo, altrove il vantaggio della laurea è ancora maggiore, in Germania il guadagno di chi ha un titolo universitario è del 37,8% più alto di quello di chi ha frequentato solo le scuole superiori, nel Regno Unito del 27%, in Francia del 20,9%, nella Ue mediamente del 23,4%.

 

L’occupazione post laurea

Dai dati di Almalaurea del 2023 sappiamo quali sono i corsi di laurea che offrono le migliori possibilità lavorative. Al primo posto, Ingegneria industriale e dell’informazione: a cinque anni dal conseguimento del titolo sono occupati il 95,6% dei laureati in questa disciplina. Segue Informatica e tecnologie ICT con il 94,6% e poi Architettura e ingegneria civile con il 92,5%, mentre tra i laureati in Economia risultano occupati il 91,2%, poco più che nel ramo medico-sanitario e farmaceutico con il suo 90,9%.

Dati alla mano, insomma, l’investimento che una famiglia si trova ad affrontare non è affatto trascurabile e deve essere programmato con cura e per tempo.


Riflessioni di un consulente

Da inizio anno mi è capitato spesso di affrontare alcuni argomenti legati alla mia professione sia con clienti ma anche con persone che mi conoscono.

Mi fa sempre molto piacere parlare e confrontarmi sui “miei” argomenti, soprattutto perché mi spingono a fare riflessioni e considerazioni che oggi voglio condividere.

Investire nel lungo termine con il risparmio gestito

Spesso dico che la ricetta perfetta negli investimenti prevede sempre come ingrediente base la PAZIENZA. Il lungo termine poi farà il meglio per te ma, nonostante l’evidenza, spesso l’accoppiata non si concretizza. I motivi principali per cui sempre più persone non praticano investimenti a lungo termine sono che:

  1. Va contro tutto ciò che viene insegnato nelle business school – cioè il breve termine – da dove proviene la maggior parte degli influencer/esperti;
  2. Richiede un considerevole grado di pazienza perché è solo per lunghi periodi di tempo che il mercato alla fine gravita verso la media;
  3. La durata della vita delle imprese e i loro periodi di vantaggio competitivo, in media, si stanno accorciando;
  4. I nostri tempi di attenzione e i periodi di attesa si stanno riducendo, e
  5. Il “rumore” è ingrandito dai sistemi informativi moderni a livelli mai raggiunti prima.

Alla luce di tutto ciò, investire a lungo termine è diventato un'impresa sempre più difficile e contrarian, ossia contro le tendenze odierne. E così, non molti investitori hanno la capacità o i mezzi per praticarlo.

In effetti, la maggior parte delle persone che partecipano al mercato investendo non capiscono nemmeno cosa stanno facendo. Questo succede soprattutto quando si è convinti di fare soldi facili e veloci.

Come il lupo di Esopo travestito da pecora, interpretano un ruolo contrario al loro vero carattere, che spesso li porta al macello.

Tuttavia, la mancanza di pazienza di queste persone nell'investire con un orizzonte a lungo termine crea l'opportunità per i pochi impegnati in periodi di detenzione a lungo termine (e si, è così visto che il mercato per natura è un trasferimento di denaro dagli impazienti ai pazienti come dice Buffett).

Nella battaglia tra impazienza e pazienza, vince quest'ultima.

Con oltre 10 anni di pratica di investimenti a lungo termine con sincerità e con discreto successo (puramente soggettivo), posso garantire per questa potente idea.

Investire a lungo termine è certamente difficile, ma se sai come affrontare bene la sua durezza, ne vale assolutamente la pena.

Come sopravvivere alla complessità dei mercati finanziari secondo un consulente finanziario

Penso che le qualità più importanti di cui hai bisogno per sopravvivere alla complessità dei mercati finanziari siano una combinazione di:

  1. Umiltà, e
  2. Un buon rilevatore di “cazzate” messo a punto.

Hai bisogno di umiltà per evitare di complicare eccessivamente gli investimenti più del necessario e di assumerti rischi maggiori di quelli che sei in grado di gestire.

E hai bisogno di un rilevatore di stronzate messo a punto per proteggerti dagli sciami di proposte di vendita e schemi per arricchirsi rapidamente che affliggono il settore.

Ci sono altre cose: una buona conoscenza dell'aritmetica (è impossibile investire senza aver chiaro concetti come la media, l’interesse o la banale percentuale) e della contabilità di base, una gratificazione ritardata e la capacità di vivere al di sotto dei propri mezzi. Ma questi primi due sono i più importanti.

Prima di chiedere una consulenza in materia di investimenti

Quando qualcuno in TV o nei social dice (o un giornalista scrive): "Dovresti fare X con i tuoi soldi", fermati e pensa: come fai a conoscermi? Come fai a sapere i miei obiettivi? Come fate a sapere le mie esigenze di spesa a breve termine? Come si fa a conoscere la mia tolleranza al rischio?

Naturalmente, non lo sanno. Il che significa che non dovresti prestarci molta attenzione. La finanza personale è molto personale, il che significa che consigli ampi e generici possono essere pericolosi.

Per quanto riguarda i media, sono più interessato alla finanza storica, che aiuta a contestualizzare gli investimenti, e alla finanza comportamentale, che consente di inquadrare gli investimenti in base ai propri obiettivi, difetti e competenze. Ma ricevere consigli diretti da qualcuno che non ti ha mai incontrato è cercare guai.


I Fantastici Quattro sono i nuovi Magnifici Sette

Lo S&P 500 è in rialzo del 36% rispetto ai minimi di settembre 2022 e il 60% della performance inaspettata è attribuita ai Magnifici Sette. I sette titoli: #Alphabet (+68%), #Amazon (+60%), #Apple (+50%), #Meta (+196%), #Microsoft (+77%), #Nvidia (+303%) e #Tesla (+70%) — sono cresciute complessivamente di quasi il 117%, superando di gran lunga la performance delle altre 493 società dell'indice S&P 500.

Negli anni passati ho scritto articoli sui magnifici sette trattando anche della poca diversificazione dell’indice americano visto il loro peso.

Da allora, il gruppo ha continuato a sovraperformare.

Fonte: FactSet

Negli ultimi mesi, il rally si è ampliato, con un numero crescente di aziende che partecipano alla ripresa. Oltre la metà delle aziende incluse nell’indice ha superato i propri valori dall’ultimo massimo dello S&P nel gennaio 2022.

Alcuni suggeriscono che ciò indichi che il rally potrebbe continuare ad espandersi, poiché i titoli precedentemente sottoperformanti iniziano a riprendersi, alimentati da una visione più positiva del futuro economico. Tuttavia, altri avvertono che potrebbe trattarsi solo di una ripresa temporanea che precede un declino, soprattutto perché la decelerazione economica in corso ha un impatto su queste società.

Lasciando le previsioni economiche agli economisti, continuo a concentrarmi sui fondamentali aziendali e sulle opportunità quantificabili.

L’intelligenza artificiale generativa come driver di performance

Con lo svolgersi del 2023, abbiamo visto prove sempre più evidenti che l’intelligenza artificiale generativa non è una montatura.

  • L’intelligenza artificiale sta rapidamente guadagnando terreno: oltre il 70% delle organizzazioni ora utilizza servizi di intelligenza artificiale gestiti.
  • Ancora agli inizi: il 32% delle organizzazioni sembra essere ancora nella fase di sperimentazione di questi strumenti, distribuendo meno di 10 istanze di servizi IA nei propri ambienti cloud.
  • La fase di scalabilità rappresenta un'opportunità >5 volte maggiore: il 10% ha distribuito 50 o più istanze nei propri ambienti.

(Fonte: Wiz State of AI in the Cloud nel 2024, un campione di oltre 150.000 account cloud pubblici)

“Prevediamo che nel 2024, man mano che la capacità di elaborazione dell’intelligenza artificiale e i prodotti basati sull’intelligenza artificiale diventeranno più accessibili, l’opportunità dell’intelligenza artificiale generativa andrà oltre la fase sperimentale, consentendo alle organizzazioni di sfruttare le capacità basate sull’intelligenza artificiale per aumentare le entrate e la produttività.”

Fantastici Quattro

Riteniamo che quattro titoli dei Magnifici Sette continueranno a fornire un ROIC leader poiché investono ulteriormente nell’innovazione guidata dai clienti. Di seguito ho identificato i principali catalizzatori per ciascuna azienda per il 2024 e oltre. Le cifre percentuali rappresentano le nostre stime ROIC per il 2028.

ALPHABET (30%)

  • Priorità all’intelligenza artificiale – Alphabet continua a ristrutturare la propria forza lavoro per dare priorità agli investimenti nell’intelligenza artificiale. Internamente, ciò migliora l’efficienza operativa. Esternamente, accelera lo sviluppo e la commercializzazione delle sue capacità di intelligenza artificiale, incluso il suo modello linguistico di grandi dimensioni Gemini, che dovrebbe superare l’attuale modello leader, GPT-4, di OpenAI.
  • Dominanza della ricerca – Secondo Statcounter, al 31/12/2023 Google detiene il 91,6% della quota di ricerca, nonostante le preoccupazioni sull’erosione della quota dovuta all’intelligenza artificiale generativa. Google consoliderà la sua posizione dominante incorporando funzionalità di intelligenza artificiale nel 2024. Ad esempio, Google ha recentemente lanciato Circle to Search, che consente agli utenti Android di effettuare ricerche multiple utilizzando gesti come cerchiare una borsa all'interno di un'immagine e porre una domanda come "Dove posso comprarlo?" "

AMAZON (21%)

  • Rete di distribuzione senza eguali: il passaggio di Amazon alla logistica regionale ha consentito all'azienda di consegnare più merci a velocità di consegna più elevate e a costi inferiori. Velocità di consegna più elevate aiutano Amazon a mantenere la sua posizione di mercato online di riferimento. I margini per il business della vendita al dettaglio continueranno a migliorare, soprattutto perché la capacità in eccesso viene utilizzata in modo efficiente per il Fulfillment-as-a-Service attraverso iniziative più recenti come Acquista con Prime e Supply Chain di Amazon.
  • Iniziative strategiche – Amazon ha diverse iniziative di crescita che richiedono spese in conto capitale significative che pochi operatori possono eguagliare ma che possono produrre enormi vantaggi a lungo termine. Questi includono il settore dei generi alimentari e dei negozi internazionali, Amazon Pharmacy per i servizi sanitari e Project Kuiper per la banda larga satellitare.

META (27%)

  • Capacità di elaborazione AI leader: Meta avrà una riserva di quasi 600.000 GPU entro la fine del 2024. Con la sua enorme capacità infrastrutturale, Meta sta cercando di costruire modelli di IA all'avanguardia che sostengano le sue piattaforme social e pubblicitarie.
  • Leader del social commerce: le piattaforme dominanti di Meta combinate con risorse di dati uniche e algoritmi di intelligenza artificiale leader di mercato ottimizzano la personalizzazione e migliorano la conversione per creatori e marchi che investono sempre più nel social commerce, un mercato destinato a crescere del 30%+ ogni anno nei prossimi 5 anni. anni.

MICROSOFT (27%)

  • Aumento della domanda aziendale – Microsoft è ben preparata per diffondere l’adozione dell’intelligenza artificiale nella sua produttività e nella base installata di software aziendale man mano che quest’anno verranno lanciati più casi d’uso, costruiti su solide basi con i modelli leader di mercato di OpenAI. A 30 dollari per licenza copilota, ogni ulteriore adozione dell'1% da parte della base clienti di Office aggiungerà 1,4 miliardi di dollari al fatturato.
  • Guadagni di quote di Azure – Microsoft Azure è pronta a guadagnare quote nel mercato del cloud computing grazie al suo stack tecnologico leader di intelligenza artificiale generativa, alle solide relazioni aziendali e alla partnership con OpenAI. Questo nuovo cambiamento tecnologico rappresenta anche un’opportunità per Azure di acquisire quote di partecipazione tra sviluppatori e startup.

Guarda oltre i potenziali rischi

Per quanto riguarda i rischi potenziali, la preoccupazione principale è un rallentamento significativo dell’attività dei consumatori e delle imprese, che potrebbe innescare una recessione. Inoltre, i rischi geopolitici sono un fattore da considerare.

Mentre le incertezze creano rumore a breve termine, nel lungo è sempre più performante mantenere la rotta, investendo in società di alta qualità, con orizzonte di investimento a lungo termine e preservazione del capitale.

 


Evita errori negli investimenti

Non importa se siamo investitori esperti o alle prime armi, tutti noi affronteremo molte situazioni in cui le nostre decisioni non vanno dal giusto verso e gli investimenti non soddisfano le nostre aspettative o i nostri obiettivi. È facile dire che dovremmo tutti dedicare più tempo a pensare e imparare dai nostri errori, ma non è così semplice. Anche se potrebbe sembrare ovvio, non è sempre chiaro cosa sia un errore d’investimento. Gli scarsi rendimenti a breve termine di una posizione a lungo termine sono un difetto o un rumore insignificante? E per quanto riguarda la sottoperformance delle componenti in un portafoglio diversificato che sarebbero andata bene in un futuro diverso?

Per evitare di sbagliare ma anche di non capire gli sbagli è utile pensare agli errori di investimento in tre modi: quelli relativi alle convinzioni, ai processi e ai risultati:

Errori di convinzioni

Quasi certamente la causa più comune, ma meno apprezzata, della delusione degli investimenti sono gli errori di credenza. È qui che la nostra convinzione o filosofia fondamentale è difettosa.

Facciamo un esempio. Adottiamo un approccio d'investimento concepito per allocare tatticamente tra le varie asset class sulla base di una visione a tre mesi. Dopo un periodo di implementazione di questa strategia, è molto probabile che le nostre prestazioni siano state deludenti. Il nostro istinto sarà quello di cercare di porre rimedio alla situazione adeguando il processo, perfezionando gli input e la nostra implementazione, ma il processo non è il problema, piuttosto è l'idea che la performance dell'asset class sia prevedibile su orizzonti così brevi. Se le nostre convinzioni sono sbagliate fin dall'inizio, modificare il processo non fornirà una soluzione.

Gli errori di credenza si verificano quando crediamo erroneamente che ciò che stiamo cercando di ottenere sia ragionevole e fattibile. Questo ci porta a impegnarci in attività di investimento in cui la probabilità di successo è estremamente bassa. Perché lo facciamo? Le risposte ovvie sono l'eccesso di fiducia e gli incentivi perversi. O sopravvalutiamo enormemente la nostra capacità di avere successo in un'attività, o veniamo pagati per questo, quindi lo facciamo anche se ci rendiamo conto che non è una buona idea.

La vera sfida delle credenze errate è che sono così difficili da cambiare. Quando modifichiamo il nostro processo d'investimento, ciò può essere considerato come un'evoluzione o un perfezionamento positivo: stiamo compiendo un passo positivo per migliorare. Quando cambiamo le nostre convinzioni in materia di investimenti, rischiamo di offuscare la nostra reputazione e la nostra identità (motivo per cui accade così raramente).

Errori di processo

Anche se le nostre convinzioni in materia di investimenti sono credibili e solide, possiamo comunque sbagliare.  Un errore di processo è quando c'è qualche difetto nel modo in cui implementiamo le nostre convinzioni.

La causa tipica dei cattivi risultati di un errore di processo è tecnica. Qui c'è un punto debole nella nostra analisi delle informazioni o nel loro utilizzo. Ciò che crediamo sia vero, solo che non siamo riusciti a implementarlo bene.

Può essere perfettamente ragionevole credere che possiamo perdere 10 chili nei prossimi 6 mesi, ma se non abbiamo idea di come progettare una dieta sensata e una strategia di esercizio fisico, probabilmente non lo raggiungeremo. C'è un divario di convinzione e di processo.

L'altro tipo di errore di processo è comportamentale. Si tratta della nostra capacità di mettere in atto e mantenere un piano. Questo è un problema serio per gli investitori. Possiamo avere un solido insieme di convinzioni fondamentali e un processo robusto, ma fallire perché abbiamo sottovalutato i nostri limiti comportamentali. Questo non è solo un problema per gli individui, ma anche per le istituzioni che dedicano molto tempo a perfezionare i processi, ma apparentemente poco sul fatto che l'ambiente decisionale sia favorevole all'approccio desiderato.

Abbiamo il piano perfetto per perdere 10 chili, ma abbiamo completamente ignorato la sfida comportamentale di andare in palestra o non mangiare quella torta.

Errori di risultato

Una delle parti più difficili dell'essere un investitore è che non esiste un legame pulito e coerente tra le nostre convinzioni e i nostri processi e i risultati che otteniamo. Possiamo prendere decisioni intelligenti e basate sull'evidenza e finire per sembrare incapaci; o sembrare un genio per aver fatto una scommessa mal istruita. I mercati finanziari sono volubili e imprevedibili; Gli investitori di talento sperimenteranno molta sfortuna e vedranno molte cose che sembrano errori ma in realtà non lo sono.

Il pericolo principale degli errori di risultato è che possono portarci a rinunciare a una strategia d'investimento che funziona perché interpretiamo male i risultati o fatichiamo ad accettare la realtà che un buon investimento a lungo termine comporta molti dolori. Ci sono quattro tipi di errori di risultato in cui facciamo le cose giuste, ma otteniamo i risultati sbagliati:

1) Sfortuna: Semplicemente soffriamo di sfortuna. Più un ambiente è caotico e instabile, più cose possono accadere contro di noi.

2) Disallineamento degli obiettivi: un problema frequente per gli investitori è quando confrontiamo i nostri risultati con qualcosa che non stavamo nemmeno prendendo di mira. L'esempio più comune è la preoccupazione per le prestazioni a breve termine quando abbiamo obiettivi a lungo termine. È come correre una maratona e giudicare il nostro successo dopo il primo chilometro.

3) Costo di una diversificazione sensata: una diversificazione ben ponderata significa essere posizionati per una serie di risultati diversi, non cercare di massimizzare i rendimenti sulla base di un'unica visione del futuro. Essere diversificati richiede di mantenere posizioni che sembrano errori.

4) Tasso di fallimento naturale: anche se abbiamo solide convinzioni e un processo incredibile, è probabile che ci sia un elemento di fallimento incorporato. Se riusciamo a segnare il 90% dei nostri calci di allora stiamo ottenendo risultati eccezionali insieme ad errori occasionali. Più un'attività è difficile, più gli operatori bravi devono accettare gli errori e, soprattutto, evitare di rivedere il loro approccio quando si verificano.

Se c'è casualità e incertezza in un'impresa, identificare e gestire gli errori sarà sempre difficile. Per gli investitori, un fallimento percepito potrebbe essere il risultato di un profondo difetto nel nostro modo di pensare o semplicemente una caratteristica inevitabile di un approccio d'investimento sensato. Quindi, cosa possiamo fare al riguardo?

Dovremmo iniziare definendo ciò in cui crediamo e stabilendo aspettative ragionevoli; Queste sono le basi di qualsiasi approccio di investimento e senza di esse non abbiamo davvero molte speranze. Con questi in atto, dobbiamo assicurarci di registrare e rivedere il nostro processo decisionale nel tempo. Ciò significa dettagliare e mantenere una chiara logica per le nostre scelte nel momento in cui le facciamo; e, soprattutto, evitando la trappola di giudicare le decisioni passate attraverso la lente orribilmente parziale del senno di poi.

È facile credere che gli investitori siano inclini a ignorare il pensiero dei propri errori perché è troppo doloroso psicologicamente, mentre questa nozione ha sicuramente un merito, la verità è molto più complicata. Il nostro punto di partenza non dovrebbe essere cercare di identificare i nostri errori, ma definire cosa sono effettivamente gli errori.


Il miglior consiglio per giovani investitori

Nella mia esperienza reale e non con i giovani investitori, una domanda che molti mi pongono è questa: "Cosa ne pensi dell'idea di fare trading nella fase iniziale per creare capitale?"

Sempre chiedo: "Perché vuoi farlo?"

Spesso la risposta è: “In modo da poter creare rapidamente quel capitale per investimenti a lungo termine e arricchirmi rapidamente”.

Allora rispondo: "La fretta negli investimenti è letale, sei fortunato perché sei giovane ed hai TEMPO. Perché hai tanta fretta?"

La risposta successiva arriva raramente, perché la maggior parte di questi giovani investitori non sono realmente sicuri del motivo per cui hanno o dovrebbero avere fretta di arricchirsi velocemente investendo in borsa. Spesso penso sia semplicemente un’idea forzata dalla socialità di oggi tra social e media che pieni di falsi valori e finte aspettative. In genere chi mi fa queste domande ha appena visto altri farlo magari in video – trading per creare capitale e poi investire quel capitale per arricchirsi velocemente – e quindi vogliono farlo da soli.

Nei miei anni di esperienza sul campo e non tra testi e libri di finanza comportamentale posso intuire che per i nuovi e giovani investitori il nocciolo di questa domanda non risieda nelle sue implicazioni finanziarie, ma piuttosto nella psicologia di fondo che la guida.

Il desiderio di accumulare ricchezza rapidamente non è solo una strategia ma una mentalità. Il fascino delle ricchezze veloci è innegabilmente potente, soprattutto in un’epoca in cui storie di milionari improvvisi e maghi del mercato dominano i titoli dei giornali o dei social media e al di fuori di essi.

Per i giovani investitori, queste narrazioni creano una percezione distorta dell’investimento come un percorso rapido verso l’indipendenza finanziaria. Tuttavia, questo fascino trascura i rischi intrinsechi e la disciplina richiesta nella creazione di ricchezza.

Negoziare azioni con l’obiettivo di generare capitale rapidamente è come navigare in un campo minato con gli occhi bendati.

Il mercato azionario, intrinsecamente volatile e imprevedibile, e spesso umiliante, non è una corsia preferenziale garantita verso la ricchezza. Richiede non solo una comprensione delle dinamiche di mercato e di business, ma anche una buona idea del tipo di investitore che sei, dei rischi che puoi correre e di quelli che possono ucciderti finanziariamente.

Charlie Munger ha detto: “Il desiderio di arricchirsi velocemente è piuttosto pericoloso”. La dura verità è che, nella maggior parte dei casi, questo approccio alla ricchezza e alla ricchezza rapida porta spesso a perdite significative, soprattutto per coloro che non hanno esperienza e controllo emotivo.

Ora, a contrastare il pericoloso percorso di rapida accumulazione di ricchezza c’è la filosofia degli investimenti a lungo termine. Questo approccio è in linea con i principi di investitori di successo come Warren Buffett e lo stesso Munger.

Questa idea di investimento lento e a lungo termine si basa sul potere dell’interesse composto (che è back-end, ovvero i suoi frutti compaiono solo nel tempo e mai rapidamente), sulla comprensione dei cicli di mercato e sulla pazienza. Si tratta di creare ricchezza in modo sostenibile, attraverso investimenti disciplinati in aziende o azioni fondamentalmente forti e lasciando che il tempo giochi a tuo favore nel lungo termine.

L’urgenza di arricchirsi rapidamente spesso deriva da pressioni sociali, aspirazioni personali o idee sbagliate sul successo finanziario. Detto questo, è fondamentale per i giovani investitori fare introspezione e comprendere le proprie motivazioni.

È l’esaltazione sociale della ricchezza, la pressione dei pari o la mancanza di alfabetizzazione finanziaria a guidare questa fretta?

Riconoscere questi fattori è il primo passo per adottare un approccio più razionale agli investimenti.

I continui avvertimenti di Charlie e di altri investitori simili sui pericoli delle ricchezze veloci provenienti dal mercato azionario non sono solo consigli finanziari ma un faro di saggezza. Sottolinea l’importanza della prudenza, della pazienza e dell’educazione nel campo degli investimenti.

Il percorso verso la ricchezza dovrebbe essere percorso con una chiara comprensione delle proprie capacità e obiettivi, tolleranza al rischio e impegno per l’apprendimento continuo, non con il richiamo di ricchezze veloci che spesso scompaiono con la stessa rapidità con cui appaiono.

Il nocciolo dell’intera questione è che, sebbene l’idea di negoziare azioni per generare rapidamente capitale per investimenti a lungo termine possa sembrare allettante, è irta di rischi e spesso deriva da un’esigenza sbagliata di accelerare l’accumulazione di ricchezza.

La saggezza impartita da investitori esperti sul motivo per cui non dovresti farlo, perché non dovresti avere fretta di diventare ricco, dovrebbe servire da luce guida.

Abbracciare un approccio equilibrato che combini le virtù della pazienza, dell’istruzione e degli investimenti disciplinati a lungo termine è la chiave non solo per creare ricchezza, ma anche per sostenerla.

Quindi, se sei un nuovo e giovane investitore, tieni presente che il viaggio non riguarda solo la destinazione della ricchezza, ma anche l’apprendimento, le esperienze e la crescita lungo il percorso. E come dice una famosa frase negli investimenti “è importante ricordare che la creazione di ricchezza è una maratona, non uno sprint”.

Alla fine, questo è ciò che devi ricordare e applicare, perché questo è ciò che funziona davvero, nella creazione di ricchezza.

Le cose accadono lentamente, con il loro dolce tempo. Anche se il giardiniere versasse centinaia di vasi d’acqua su una pianta, i suoi frutti apparirebbero solo nella stagione giusta. Mai prima.


Lettera agli investitori di fine anno

Crescita, inflazione, tassi, debito pubblico: anche il 2024 si preannuncia un anno pieno di sfide. Tuttavia, la tanto temuta recessione non è arrivata nel 2023 e lo scenario base per il prossimo anno (e per il 2025) è quello di un rallentamento della crescita e dell’inflazione e di una moderazione dei tassi d’interesse.

Il 2023 è stato l’anno della recessione più telegrafata: a lungo temuta, non si è poi materializzata. Anzi, il 2023 sarà ricordato come un anno spettacolare per l’economia a stelle e strisce. Ma va sottolineato come lo storytelling sulla crescita sia molto cambiato da inizio anno. Nel giro di soli nove mesi, le view di Wall Street sono passate da una narrazione di recessione negli Stati Uniti a una narrazione di “soft landing”, cioé di un rallentamento del tasso di crescita dell’economia.

Come ogni anno aspettative e previsioni hanno vacillato subendo continui aggiustamenti e rimodellamenti. Tutto normale, se si considera il mercato un essere vivo e pieno di incognite nel breve termine.

Inflazione, debito e lavoro

Sono 3 i temi che hanno caratterizzato il 2023 e che hanno trainato i mercati facendo si che anche in Europa venisse scongiurata la recessione.

L’inflazione è soprattutto un rischio per l’Eurozona, maggiormente esposta alle pressioni inflazionistiche, lato energia e lato salari. A livello mondiale, l’inflazione core è in discesa dopo i livelli elevati degli ultimi due anni (tranne che in Giappone, dove – in controtendenza – sta salendo). In Cina è in rallentamento da due anni. Per il 2024 parecchi gestori prevedono un’inflazione in rallentamento sia negli Stati Uniti che nell’Eurozona.

Per l’Italia le previsioni prevedono una crescita piatta nel 2024 seguita da uno striminzito +0,5% nel 2025. Il nuovo scenario “higher for longer” significa che il costo del debito pubblico aumenta. “Il dato è deludente innanzitutto perché vorrebbe dire che l’Italia torna ad essere il fanalino di coda dei maggiori paesi dell’Eurozona e poi lo è ancor di più nel contesto dei grandi finanziamenti Next Generation EU”, commenta Tentori di AXA IM.

Inoltre, aggiunge l’economista di AXA IM, “questo rallentamento dell’inflazione e della crescita si sposa male con i rendimenti del BTp che restano alti, andando così ad appesantire ulteriormente il bilancio pubblico”. La crescita piatta e l’avanzo primario negativo sono dei rischi per il nostro.

L’aumento del debito pubblico è un problema anche per gli Stati Uniti: basta guardare la traiettoria (grafico sotto) in aumento del debito pubblico detenuto dalle famiglie americane e dalle banche.

Congressional Budget Office e AXA IM Research, giugno 2023.

Il mercato del lavoro negli Stati Uniti si è mostrato resiliente ed è stata la variabile che ha cambiato le carte in tavola perché ha sostenuto i consumi degli americani, contrariamente a ogni aspettativa. L’inflazione salariale è soprattutto un rischio in Eurozona, dove pure il mercato del lavoro ha mostrato resilienza, ma è molto diverso da quello statunitense.

Un 2024 all’insegna delle elezioni

A livello geopolitico, le elezioni per la presidenza degli Stati Uniti a novembre si profilano come l’evento globale più atteso e importante. Tuttavia, queste elezioni si inseriscono all’interno di un calendario politico che si preannuncia molto fitto. Infatti, nel mondo più di due miliardi di elettori verranno chiamati alle urne.

JPM ce ne fa uno spaccato grafico molto interessante:

Quali sono i possibili scenari quindi?

Riprendendo l’outlook di JPM andiamo incontro a 4 possibili situazioni:

Ma ATTENZIONE! Stiamo parlando di scenari e non di previsioni su cui basare i rimodulare i propri investimenti. Queste informazioni vengono utilizzate dagli investitori più evoluti SOLO per avere dei differenti punti di vista e su cui spesso mi confronto con i miei clienti perché come dico sempre a tutti “sapere aiuta a non sbagliare”.

Ma allora come investire per il 2024?

Visto il contesto, le opportunità per gli investitori non mancheranno, a cominciare dai mercati del reddito fisso. Ma vi saranno opportunità anche nell’azionario, perché una politica monetaria meno restrittiva dovrebbe migliorare le condizioni per la crescita del capitale, e soprattutto eliminare quella fonte d’incertezza che ha spesso innervosito gli investitori negli ultimi due anni.

La scelta migliore è sempre mantenere lo zoccolo duro della propria pianificazione se stai già investendo e magari sfruttando la situazione con la liquidità extra che devi sempre detenere. Se, invece, il tuo buon proposito per il 2024 è di iniziare ad INVESTIRE per il TU del domai in maniera efficiente ecco il punto di partenza dai mercati di oggi.

Considerati i tassi d’interesse a breve termine ai livelli massimi dal 2008, è facile concordare con l’idea che la liquidità appaia allettante. Se gli investitori possono ottenere il 4-5% senza rischiare di perdere il capitale, perché investire in azioni? E visto che le obbligazioni a lungo termine non offrono un rendimento addizionale, perché assumere un maggiore rischio di tasso d’interesse?

Le risposte giuste stanno sempre nelle due domande che devi sempre farti prima di investire:

  • Perché sto investendo?
  • Per quanto tempo lo vorrò fare?

Il tempo resta la variabile cardine per il successo dei tuoi investimenti.  Infatti, in base agli anni che dovrai utilizzare il mercato per rendimenti extra, si deve costruire il giusto mix tra liquidità, bond ed azioni.

Oggi le obbligazioni ci riportano agli anni 2000 con rendimenti interessanti e per certo dopo il picco dei tassi sovraperformano la liquidità.

Maggiore è il tuo orizzonte temporale e superiori sono le opportunità dell’azionario

In conclusione, bisogna sempre sfruttare i vari motori di performance in maniera intelligente e scientifica poi mercato e pazienza faranno tutto il resto.


Fai tuo il mercato azionario in 4 grafici

Tutti ormai sanno che i migliori rendimenti si ottengono investendo nel mercato azionario. Altrettanti hanno compreso che è bene farlo diversificando e con un orizzonte temporale lungo per aumentarne le probabilità di successo.

Ma quanti lo hanno realmente razionalizzato con numeri ed in maniera semplice?

Prendendo spunto da un articolo di un noto advisor americano vediamo insieme come convincerci con NOZIONI sul giusto modo di stare nel mercato azionario.

Nel lungo periodo, i prezzi delle azioni salgono

 

Consideriamo il mercato azionario come un modo per investire in innovazione, profitti, progresso e persone che si svegliano la mattina cercando di migliorare la propria situazione attuale.

Anche se ci piace il fatto che questo grafico illustri la giusta filosofia a lungo termine, è un po' fuorviante. È vero, il mercato azionario sale nel lungo periodo, ma ATTENZIONE può anche crollare nel breve periodo. Nel grafico sopra ci sono alcuni dei maggiori crolli della storia ma sono difficili da vedere su un diagramma con 200 anni di dati.

La Grande Depressione, il crollo del 1987 e la Grande Crisi Finanziaria sembrano piccoli inconvenienti su questo grafico.

In ogni salita di lungo dobbiamo abituarci all'idea degli inconvenienti

Non puoi guardare un grafico del mercato azionario che sale senza tenere conto dei ribassi lungo il percorso:

La Grande Depressione non fu un incidente di percorso. Era uno tsunami. La gente pensava che il crollo del 1987 avrebbe portato a una depressione. Nel 2008 il sistema finanziario era sull’orlo dell’estinzione.

A volte il mercato azionario crolla. A volte ci vogliono anni per recuperare i tuoi soldi.

Non è possibile ottenere un grafico a lungo termine delle azioni che salgono nel tempo senza che in qualche occasione ti venga il mal di pancia. Se non riesci a sopravvivere ai ribassi a breve termine, non potrai partecipare ai guadagni a lungo termine.

Questo è vero per i crolli del mercato, i comuni mercati ribassisti, gli anni terribili e persino gli anni buoni nel mercato azionario.

Anche negli anni positivi ci sono i ribassi durante la salita

Il grafico è un mantra tra professionisti ed investitori. Non c'è salita senza discesa nel percorso.

Dal 1928 (quasi 100 anni) la media di ribasso durante l'anno nel mercato azionario USA è del -16,4%.  Tradotto, per beneficiare dei rendimenti di lungo devi essere disposto a vedere il tuo capitale oscillare.

L’altro aspetto da apprendere da questo grafico è che i ribassi si verificano anche quando il mercato azionario chiude l’anno in territorio positivo.

Il calo medio durante l'anno negli anni che si sono conclusi con un rendimento positivo per l’S&P 500 a partire dal 1928 è del -11,6%.

Quindi dovresti aspettarti di sperimentare una volatilità al ribasso anche quando le azioni sono in una tendenza rialzista.

Immaginati in bici, con l'obiettivo di arrivare al traguardo in cima ad una collina. Per certo dovrai pedalare se vuoi giungere all'obiettivo, con sicurezza vedendo il percorso metti in conto che passando per vari avvallamenti ci saranno momenti in cui dovrai pedalare di più ed altri in cui meno. Ma lo fai perchè vuoi giungere al traguardo.

Il mercato azionario è la stessa cosa.

L’altra statistica che sorprende nel grafico è l’enorme quantità di rendimenti superiori al 20% che vedi nel mercato azionario in un dato anno.

In 34 degli ultimi 95 anni, il mercato azionario statunitense ha chiuso l’anno con guadagni del 20% o più. Si tratta di una percentuale di anni maggiore (36%) rispetto al numero di anni che terminano con una perdita (27%).

Naturalmente, i guadagni o le perdite in un anno non hanno significato. Tutti gli investitori saggi sanno che l’unico orizzonte temporale che conta veramente è il lungo termine.

Il tuo successo è legato al tempo

Non ci sono garanzie quando si investe nel mercato azionario.

Le cose brutte possono accadere e accadranno.

Ma se hai un orizzonte temporale misurato in decenni anziché in giorni, mesi o anni, ti troverai meglio della maggior parte degli investitori.

Non posso promettere che queste relazioni continueranno in futuro.

Ma ho difficoltà a credere che avremo un futuro in cui le persone non innoveranno, non faranno progressi e non si sveglieranno cercando di migliorare la loro posizione nella vita.

Questa è la linfa vitale dei profitti aziendali ed è per questo che credo nelle azioni a lungo termine. Ed è per ciò che per essere un investitore in azionario devi essere OTTIMISTA.


Grazie Charlie

Ieri in tarda serata Berkshire Hathway ha comunicato la dipartita di Charlie Munger. Nella mia vita professionale l'ho sempre considerato una fonte di ispirazione.
La sua saggezza è stata la mia bussola, ed i suoi principi sono diventati parte integrante della mia professionalità.
Ecco alcune delle sue massime che ricordo sempre con piacere:
"L'invidia è un peccato davvero stupido perché è l'unico con cui non potresti mai divertirti. C'è tanto dolore e niente divertimento. Perché vorresti salire su quel tram?"
"Se tutto ciò che riesci a fare nella vita è arricchirti comprando piccoli pezzi di carta, è una vita fallita. La vita è più che essere astuti nell'accumulazione di ricchezza."
"Ricorda che la reputazione e l'integrità sono i tuoi beni più preziosi e possono andare perduti in un batter d'occhio."
"Confucio disse che la vera conoscenza è conoscere il limite della propria ignoranza. Aristotele e Socrate dicevano la stessa cosa. È un'abilità che può essere insegnata o appresa? Probabilmente sì, se si ha una scommessa sufficiente sul risultato. Alcuni le persone sono straordinariamente brave a conoscere i limiti delle loro conoscenze, perché devono esserlo. Pensa a qualcuno che è stato un funambolo professionista per 20 anni ed è sopravvissuto. Non potrebbe sopravvivere come funambolo per 20 anni a meno che non sappia esattamente quello che sa e quello che non sa. Ha lavorato così duramente per questo, perché sa che se sbaglia non sopravviverà. I sopravvissuti lo sanno."
"Molto successo nella vita e negli affari deriva dal sapere cosa si vuole evitare: una morte prematura, un brutto matrimonio, ecc."
"Conoscere ciò che non sai è più utile che essere brillante."
Uno dei libri per me più iconici dell'Oracolo di Pasadena:
#berkshirehathaway #charliemunger