NEWS & VIEWS

Le ultime notizie dal panorama finanziario.
Uno sguardo al passato per diventare investitori intelligenti del futuro

Uno sguardo al passato per diventare investitori intelligenti del futuro

Siamo alla conclusione del mese di Maggio ed a 60 giorni dall’inizio del mercato più sorprendente dal dopo guerra. Dal più ripido mercato orso della storia all’eccezionalità di un mercato toro all’interno. Ma come ogni crisi, si possono celare delle grandi opportunità per tutti gli investitori con il giusto pelo sullo stomaco. Gli investitori che trovano il coraggio e la convinzione di attenersi ai loro piani a lungo termine sono spesso ricompensati dal rimbalzo dei mercati.
Per aiutarti a mettere nella giusta prospettiva i mercati recenti, andiamo a concentrarci su tre fatti classici sui recuperi storici del mercato ed anche su  tre errori che potrebbero costare cari ad ogni investitore sprovveduto.

3 punti sui recuperi di mercato

n. 1: i recuperi sono stati molto più lunghi e più forti delle flessioni

La buona notizia è che i mercati al ribasso sono stati relativamente brevi rispetto ai recuperi. Infatti, mentre nel bel mezzo della tormenta finanziaria può sembrare durino per sempre, in realtà le flessioni di mercato sono molto meno impattanti rispetto all’impeto a lungo termine dei mercati rialzisti.

Sebbene ogni declino del mercato sia unico, negli Stati Uniti, il mercato orso medio dal 1950 è durato 14 mesi. Il mercato toro medio è stato più di cinque volte più lungo.

La differenza nei rendimenti è stata altrettanto drammatica. Anche se il mercato toro medio ha registrato un guadagno  del 279%, i recuperi non sono sempre così semplici. Gli investitori, infatti, devono spesso resistere a titoli spaventosi, significativa volatilità del mercato e ulteriori riduzioni azionarie lungo la strada. Ma gli investitori che rimangono concentrati sul lungo termine sono spesso meglio attrezzati per guardare oltre il rumore e attenersi al loro piano.

 

n. 2: dopo forti cali, i mercati si sono ripresi rapidamente

Naturalmente, non sappiamo esattamente come sarà la prossima ripresa, ma la storia ci mostra che le azioni si sono spesso riprese vigorosamente a seguito di forti ribassi. Analizzando le 18 maggiori flessioni del mercato USA dalla Grande Depressione ad oggi in ogni caso lo S & P 500 era più alto cinque anni dopo. I rendimenti in questi periodi di cinque anni sono stati in media superiori al 18% all’anno.

I rendimenti sono stati spesso più forti dopo i ribassi più ripidi, riprendendosi rapidamente dai bottom del mercato. Il primo anno successivo ai cinque maggiori mercati ribassisti negli ultimi 90 anni ha registrato una media del 71%, sottolineando l’importanza di rimanere investiti ed evitare l’impulso di abbandonare le azioni durante la volatilità del mercato.

n. 3: alcune delle aziende più influenti del mondo sono nate durante le riprese di mercato

Molte aziende hanno iniziato in periodi di crisi economica e sono diventate nomi familiari.

Per evidenziarne solo alcune nel mercato statunitense: McDonald’s è emerso nel 1948 a seguito di una recessione causata dalla smobilitazione del governo USA da un’economia di guerra. Walmart arrivò 14 anni dopo, all’epoca del “Flash Crash del 1962” – un periodo in cui l’indice S&P 500 diminuì di oltre il 22%. Airbus, Microsoft e Starbucks furono fondati durante l’era della stagflazione degli anni ’70, un decennio caratterizzato da due recessioni e uno dei peggiori mercati orso della storia degli Stati Uniti. Non molto tempo dopo, Steve Jobs entrò nel suo garage e fondò una piccola azienda di computer chiamata Apple.

La storia ha dimostrato che le aziende forti trovano il modo di sopravvivere e persino prosperare quando i tempi sono difficili. Quelli che possono adattarsi a condizioni difficili e diventare più forti spesso fanno investimenti interessanti a lungo termine.

3 errori che gli investitori dovrebbero evitare

Errore n. 1: provare a cronometrare i mercati

È il tempo, non il tempismo, che conta negli investimenti. Portare i tuoi soldi fuori dal mercato in discesa significa che se non torni al momento giusto, non puoi sfruttare appieno il beneficio di una ripresa.

Prendi in considerazione un esempio di ipotetico investitore che ha venduto titoli durante la recessione del mercato statunitense del 2008-2009, e poi ha cercato di cronometrare il mercato, saltando dentro quando ha mostrato segni di miglioramento. Perdere anche i 10 migliori giorni della ripresa avrebbe danneggiato significativamente i risultati a lungo termine dell’investitore – e più i giorni “buoni” mancano, più la perdita è ripida.

Gli investitori che sono più titubanti nel investire tutto il capitale in una volta devono considerare strumenti come piani di accumulo o adottare un planning di ingressi concordati con il consulente per avere maggiore stabilità nei mercati volatili.

Errore n. 2: supporre che le informazioni negative di oggi identifichino  un brutto momento per l’investimento

Le sfide economiche e geopolitiche odierne possono sembrare senza precedenti, ma uno sguardo alla storia mostra che ci sono sempre stati motivi per non investire. Nonostante i titoli negativi, la tendenza a lungo termine del mercato è sempre stata al rialzo.

Prendi in considerazione un investimento nello S & P 500 nel giorno in cui Pearl Harbor fu bombardata nel 1941. Qualcuno che rimase investito per i successivi 10 anni avrebbe avuto in media un rendimento annuo del 16%. Allo stesso modo, un investimento di $ 10.000 nell’indice S&P 500 nel giorno in cui Lehman Brothers ha dichiarato il fallimento nel 2008 sarebbe cresciuto a oltre $ 30.000 10 anni dopo. La storia ha fornito numerosi esempi come questi.

Grandi opportunità di investimento emergono spesso quando gli investitori si sentono più pessimisti. L’epidemia di coronavirus può essere diversa da qualsiasi cosa abbiamo affrontato prima, ma l’incertezza non è una novità per il mercato, che continua a essere resistente nel tempo.

Errore n. 3: concentrarsi troppo sul breve termine

La volatilità del mercato è particolarmente scomoda quando ci si concentra su alti e bassi a breve termine. Invece, diventa digeribile se si estende l’ orizzonte temporale concentrandosi sulla crescita a lungo termine degli investimenti e sui progressi fatti verso obiettivi iniziali.

Considera la tabella seguente che mostra prospettive contrastanti dello stesso ipotetico investimento. La visione a breve termine è quella che molti investitori hanno dei loro portafogli: tracciare i rendimenti in brevi periodi di tempo. La visione a lungo termine traccia lo stesso investimento esatto nello stesso periodo, ma mostra invece una variazione annuale del valore del portafoglio investito. Con questa prospettiva, le fluttuazioni a breve termine del primo grafico si sono attenuate nel tempo e l’immagine di un portafoglio in crescita diventa più chiara.

Ricorda che i mercati orso non durano per sempre. Mantenere una prospettiva a lungo termine può aiutare a mantenere gli investitori concentrati sugli obiettivi che contano di più.

Abbiamo visto e fatto alcune considerazioni sul passato per essere investitori intelligenti nel futuro quindi ora ti resta da fare solo un ultimo passo:

Prepara il tuo portafoglio per la prossima ripresa del mercato

Author:

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.
Cookie policy