NEWS & VIEWS

Le ultime notizie dal panorama finanziario.
SARS, Corona virus e mercati

SARS, Corona virus e mercati

Nel novembre 2002 il mondo fu sconvolto da una nuova malattia partita dalla Cina. Solo nel luglio 2003 fu dichiarata contenuta. Stiamo parlando della famosa SARS.

Oggi invece siamo alla prese con una situazione similare con il CORONA Virus. Il confronto tra le due situazioni dal punto di vista medico viene fatto in maniera dettagliata qui, noi vediamo il riscontro sui mercati.

Partiamo da un fondamentale presupposto, nessun investitore può paragonare le due situazioni per prendere decisioni perchè fortemente differenti e ci viene in aiuto pure CNBC con questo bell’articolo.

Durante la SARS, infatti, i mercati vissero un panico iniziale, a cui segui un momento di lateralità e ripresa considerando anche i venti di guerra dello stesso periodo. L’indice cinese, Hang Seng, in particolare fu strettamente correlato alla percentuale di contagi come da grafico:

Grafici simili anche per il Corona virus ma…

I driver del mercato sono cambiati, nel 2020 la banca centrale cinese la fa da padrona e non il numero di contagi. Non solo a livello locale ma anche globalmente la situazione si replica ed è evidente dal fatto che nonostante dati di rallentamento, terza guerra mondiale sfiorata e pandemia alle porte i mercati continuano per la loro strada.

I players finanziari oggi

Chi guida i mercati dell’ultimo decennio? La risposta a questa domanda è fondamentale per capire il contesto globale e iniziare un processo che porti ad investire oggi.

I maggiori “player” oggi sono 3:

  • BANCHE CENTRALI, dopo la crisi del 2008 le istituzioni hanno preso sempre più fortemente la “guida” dei mercati interni e non solo facendo da salva crolli e/o dopanti per la spinta economica
  • BIG TECH, la silicon valley americana e le altre super potenze tecnologiche ormai detengono capitali pari ad intere borse finanziarie e spesso negli ultimi anni hanno fatto da locomotive per interi mercati e forse dando una nuova fisionomia ai cicli di mercato essendo abbondante la concentrazione sui servizi
  • POLITICA, la finanza nell’ultimo decennio ha preso sempre più una verve politica. Avete presente i mercati come si muovono ad un temuto Tweet di Trump? o alle elezioni italiane?

Come investire quindi?

Sono molteplici le strategie e le tecniche di investimento, ma ho sempre ritenuto che vanno utilizzate quelle giuste al contesto di applicazione.
Sopra abbiamo cercato di comprendere il recente passato ed il presente per giungere a fare delle considerazioni:

  • ANALISI TECNICA E FONDAMENTALE, ormai serve solo per leggere il passato o l’immediato presente ma perde di totale attendibilità per prendere scelte sul lungo termine soprattutto. Basta pensare a quante realtà, anche italiane, scontano prezzi incoerenti con i fondamentali o all’ultimo mese dei mercati finanziari globali dove nessuno analizzando il grafico giornaliero o settimanale avrebbe anticipato il movimento futuro ( chi sapeva del rimbalzo della borsa cinese grazie alle manovre dirette sui mercati della banche centrale )
  • FUND SELECTION, in contesti di volatilità controllata e bassa non è possibile, o quasi, creare alpha (valore aggiunto rispetto al mercato) da parte dei gestori. Numerose statistiche dicono che solo il 15% nei gestori batte il mercato sotto i 5 anni. Va scemando la percentuale allungando l’orizzonte temporale fino all’1% sopra i 20 anni.

Abbandonate candele e grafici per fare previsioni, e la gestione attiva per orizzonti di lungo periodo restano solo queste certezze per decidere oggi sugli investimenti futuri:

  • PIANIFICAZIONE, nessuno può influenzare i tuoi obiettivi finanziari se non te stesso
  • DIVERSIFICAZIONE, distribuire il rischio tra varie asset class e soluzioni finanziarie trovando il giusto mix e quì l’uso di modelli e le competenze del consulente finanziario diventano fondamentali
  • QUALITA‘, scegliere strumenti di abbiano rating ed informazioni attendibili, trasparenti e fruibili
  • COSTI, NON E’ SEMPRE VERO CHE CHI PIU’ SPENDE MENO SPENDE soprattutto nella scelta dei prodotti finanziari anzi. E’ meglio spendere il giusto per il valore aggiunto apportato ed anche qui il consulente finanziario diventa fondamentale nell’ottimizzazione.
Author:

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.
Cookie policy