NEWS & VIEWS

Le ultime notizie dal panorama finanziario.
Ogni Guru prima o poi ci becca

Ogni Guru prima o poi ci becca

In questi giorni sui principali social gira un articolo del noto analista John Hussman che prevede crolli del 30% tra il 2019 e 2020. Vediamo razionalmente come analizzare questa informazione.

È da ieri che sta rimbalzando sul web questa intervista:

https://it.businessinsider.com/titoli-azionari-sopravvalutati-crolleranno-del-30-entro-la-fine-del-2019-parla-linvestitore-che-pronostico-le-crisi-del-2000-e-2007/

L’intervistato è John Hussman, noto gestore di hedge fund, economista, trader, investitore insomma uno che sembrerebbe sapere cosa dice.

Hussman, come fa periodicamente , prevede crolli anche del 30% nel 2019, altri nel 2020 e poi stagnazione a profusione. Insomma l’apocalisse finanziaria.

Come lui, tanti ogni giorno si avventurano in profezie, stile calendario Maya nel 2012 ve le ricordate?

Panico, paura ed incertezza sono queste le emozioni che scaturiscono questi “esperti” facilitando il suicidio finanziario di ogni investitore poco sul pezzo.

Ma il buon Hussman negli ultimi 10 anni come ha affrontato il mercato?

Semplice, basta andare a vedere come hanno performato i fondi della Hussman Fund .

Prendiamo il “meno peggio”,il Hussman Strategic Growth Fund.

Nel grafico le 4 linee rappresentano diversi tipi di investimento:

  • BLU, Hussman Fund SG;
  • ROSSO, Market Neutral;
  • VERDE, Aggregato Treasury US;
  • GIALLO, Azionario globale.

Facendo un analisi tecnica mi viene da dire, una schifenza.
Un autentico disastro.
Insomma una roba da vergognarsi, soprattutto se si vanta di essere analisti di fama mondiale, e pure pagati.

Rendiamo ancora più razionale questo scempio finanziario, immaginando di aver investito nel fondo del guru americano 10.000 $ e facendo un confronto con le asset class viste sopra.

Se 10 anni fa aveste investito 10.000 $ su Hussman Strategic Growth Fund oggi avreste meno di 5.000 $.
Insomma la metà con un bel -50%.

Invece, se aveste investito su un indice azionario internazionale (linea gialla nel grafico) oggi avreste 30.000 $
E se aveste investito su un indice obbligazionario US (linea verde) oggi avreste 14.500 $.

Alla faccia del mega GURU di Wall Street !!!

Mentre tutti gli indici globali si godevano il mercato toro più lungo della storia, il nostro caro Hussman brucia da 10 anni soldi, predicando disastri forte di aver AZZECCATO i crolli del 2000 e del 2008.

E… facendosi pagare pure caro visto i costi dei suoi fondi.

Ma razionalmente cos’ha portato a suoi investitori la dote divinatoria di Hussman nel prevedere il futuro?

Ad un rendimento dello 0,74% all’anno dalla data di lancio del fondo (anno 2000).
Meno dell’inflazione, inferiore a un conto deposito, inferiore a un BOT, inferiore a tutto.

Quindi a cosa serve sapere indovinare i crolli se non si portano benefici all’investitore?

A portare confusione nella testa di chi investe.

Sono proprio le cazzate dei fantomatici maghi della finanza, su giornali e social, il motivo per cui i risparmiatori e gli investitori entrano ed escono dal mercato sempre nel momento sbagliato.


E perdono regolarmente soldi.

Io non sono nè sarò mai un guru, ne mi vanterò di essere un analista di fama mondiale, ma sicuramente nel fare la mia professione ho come obiettivo portare un valore aggiunto al risparmiatore.

L’educazione finanziaria è il mezzo che principalmente uso perchè un investitore preparato vivrà sempre consapevolmente ogni fase di mercato, anche i crolli.

Quindi basta guru!


P.S.: Un calo delle quotazioni del mercato non è questione di SE, ma di QUANDO.

Author:

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.
Cookie policy