NEWS & VIEWS

Le ultime notizie dal panorama finanziario.
Neet e nuovo record negativo per l’Italia

Neet e nuovo record negativo per l’Italia

In un precedente articolo ho affrontato il tema della ricerca del Talento e dei Paesi più attivi nella ricerca di lavoratori con profili di qualità elevata.

Il Bel Paese a riguardo è tra le nazioni più in controtendenza, visto la ormai conclamata ” Fuga dei Cervelli” e il nuovo primato riguardo i Neet, giovani che non studiano né lavorano e non si formano.

Il record italiano di Neet. Quattro regioni del Mezzogiorno in fondo alla classifica europea

Sono 4 le Regioni italiane del Sud in cima alla classifica europea dei Neet: Sicilia, Campania, Calabria e Puglia.

Circa tre ragazzi su dieci tra i 15 e 25 anni si trovano in questa condizione.

I Numeri che parlano chiaro e ribadiscono il concetto da poco espresso anche da Eurostat: l’Italia ha la maglia nera nel Vecchio continente per Neet.

L’Osservatorio statistico dei Consulenti del lavoro ha rielaborato i dati di fonte europea e di matrice Istat per entrare nel dettaglio territoriale italiano. Certo, sfuggono alla statistica tutti quei giovani che si dedicano ai “lavoretti” assai frequenti nel nostro panorama del lavoro.

Secondo la ricognizione dell’Osservatorio, alla fine del 2017 i ragazzi ai margini di lavoro o formazione tra 15 e 29 anni erano poco più di 2 milioni, quasi equamente divisi tra maschi e femmine. Più della metà di questi giovani si trova al Mezzogiorno, dove il tasso di Neet arriva al 34%.

Una generazione abbandonata

In Italia manca da anni una vera politica del lavoro che si occupi di dare un’occupazione a tutti. Alla fine uno Stato se non si preoccupa di pianificare questo, cosa deve fare?

Non mi riferisco a lavori statali per tutti ma ad una politica seria e continuativa volta ad attirare investimenti stranieri, a favorire quelli interni, a snellire la burocrazia al fine di stimolare la creazione di nuovi posti di lavoro.

A chi pensa che invece lo Stato non c’entri e ognuno si debba arrangiare dico che è l’italiano medio: miope, egoista, gretto ed ignorante. Uno Stato serio e forte sa occuparsi dei più deboli, di quelli che da soli non ce la fanno. O la soluzione è scappare tutti all’estero?

Va ricordato che scivolare ai margini non è difficile, bastano un’autostima scarsa, un pizzico di sfortuna, una forza mentale un po’ discontinua, pochi stimoli culturali dalla propria famiglia di origine, magari – perché no – un’intelligenza non brillantissima. Senza incappare in tutte queste condizioni tutte assieme basta semplicemente un periodo no.

Cosa fare per non essere un neet?

Non penso di essere io il risolutore di ogni problema dello Stato ma ad un neet che stesse leggendo direi innanzitutto di non perdere la speranza perché la situazione è seria ma non irreparabile.

La condizione stessa di neet lo identifica come un giovane, una persona che quindi ha tutto il tempo di uscire da una condizione svantaggiosa.

Per cominciare sconsiglierei assolutamente di intraprendere un’attività imprenditoriale(apertura negozio abbigliamento, gelaterie e simili). Se uno è neet, lo è probabilmente perché non ha sviluppato competenze ed esperienze significative, un’avventura imprenditoriale si trasformerebbe pertanto in un disastro annunciato in cui magari distruggere i risparmi dei genitori.

Piuttosto consiglierei di puntare sulla formazione, una che includa senz’altro al suo termine un’esperienza lavorativa, di modo da interrompere il circolo vizioso e mettere a CV allo stesso tempo un’esperienza formativa e una lavorativa. Esistono corsi offerti da enti pubblici (e pertanto gratuiti) che garantiscono mini-percorsi di questo genere. Naturalmente non bisogna essere affatto “choosy” ed accettare lo stage per quello che è (fosse anche fare fotocopie), l’importante nella prima fase è uscire di casa e scrivere qualcosa nel CV.

Per uscire completamente dal circolo vizioso, il neet deve comunque realizzare che il suo problema è prima di tutto mentale. Deve smetterla di sentirsi uno sfigato e riprendere in mano il proprio destino: il mondo è fatto di persone assolutamente medie e a fare la differenza è la determinazione.

Author:

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.
Cookie policy