NEWS & VIEWS

Le ultime notizie dal panorama finanziario.
Italiani ed investimenti

Italiani ed investimenti

Un rapporto complicato ma necessario per il futuro di tutti

Che ce ne rendiamo conto o meno, spesso gli italiani sono i primi a farsi lo sgambetto verso la strada di un futuro finanziario sereno e fruttuoso.

Parlando e conoscendo tanta gente ogni giorno è questa l’idea che ho maturato e che condivido sempre con risparmiatori miei clienti e non.

  • “Ma cosa sto risparmiando tanto a fare? Non avrò mai abbastanza soldi da parte.”
  • “Tanto, una pensione non ce l’avrò mai: è inutile iniziare a pensarci!”
  • “C’è troppa scelta tra tutti questi strumenti: preferisco non scegliere, tanto sbaglierei comunque”.  

Quante volte hai mai permesso che uno di questi pensieri ti bloccasse nell’azione?

Ti sarai reso conto, visto che leggendolo nero su bianco è più semplice capirlo, che tutti questi pensieri contengono parecchi paradossi.

La scienza che studia tali meccanismi mentali è la finanza comportamentale. Questa ci ha provato che siamo tutt’altro che razionali, quando si parla di soldi: è un campo pieno di paure e in cui l’emotività fa spesso da padrona.  

Se anche tu hai pensato almeno una volta una delle frasi di sopra, e spesso ti giri e rigiri nel letto senza prendere sonno, preso dalla paura al pensiero del tuo futuro finanziario, allora continua a leggere, perché sei in buona compagnia e potresti trovare qualche consiglio per sbloccarti.

Soldi e lavoro

La casa d’investimento BlackRock ha condotto un’indagine, prendendo come campione più di 27.000 investitori in 13 paesi; in Italia ci sono stati circa 2.000 intervistati, che hanno rivelato parecchie cose scomode del nostro Bel paese.

Dai dati è infatti emerso che la nostra salute finanziaria percepita è la più bassa al mondo: è una delle voci che vanno a comporre il nostro stato generale di benessere, e purtroppo le preoccupazioni riportate riguardo a “soldi e lavoro” getterebbero molti nel panico.

Allo stesso tempo, non faremmo un granché per cambiare questa situazione.

Ed è qui il grosso paragone dell’italiano: consapevole, frustrato ma non voglioso di cambiare la sua condizione.

Quindi cosa fare per disinnescare questo meccanismo subdolo?

L’unica cosa è tornare all’oggettività: prova a sederti di fronte ai tuoi numeri, alle entrate e alle spese. Dove puoi migliorare/razionalizzare le risorse? Il problema è che hai davvero poche entrate (allora pensa a come rimpinguarle o se cercare un altro lavoro), oppure potresti partire dal rivedere le tue spese?

Insomma, mettiti davanti un foglio e scrivi, solo mettendo su carta riuscirai a non fornire più alibi alla tua emotività.

Pianificazione, questa sconosciuta

Secondo i dati, noi italiani abbiamo la consapevolezza di dover pianificare per tempo per il nostro futuro, iniziando ad accantonare soldi per la pensione e per gli imprevisti. L’articolo riporta infatti che:

  • il 69% degli intervistati è consapevole di dover mettere da parte soldi dal proprio stipendio;
  • 2/3 di questi sanno che bisogna farsi trovare pronti per gli imprevisti;
  • nonostante questo, solo il 43% ha iniziato effettivamente a mettere soldi da parte per la pensione!  

Mettiti in testa una cosa: Siamo condannati a dover risparmiare

Ormai facilmente chiunque può farsi una idea delle cifre che dovremmo accantonare, è facile farsi prendere dal panico vedendo ” IL QUANTO”. Il paradosso è che si finisce per accantonare anche il pensiero, e stop! Inizia da oggi a mettere da parte, arrivando a poco a poco ad una cifra sempre più significativa, non appena le tue entrate te lo permetteranno.

Risparmiatori ma non investitori

Sembra che noi italiani siamo ancora, come si dice da sempre, un popolo di risparmiatori, e che ne siamo anche consapevoli: il 78% degli intervistati si considera tale, contro un 69% della media globale.

E allora, cosa c’è che non va? Un primo punto è il pensare ad un orizzonte temporale di breve termine, come abbiamo visto prima, ed un secondo è il fatto di rischiare assai poco: non siamo di certo un popolo di grandi investitori (un 47% lo fa, in media), e questo accade per PAURA.

L’incertezza da sempre spaventa l’uomo soprattutto se si parla di soldi. L’unico modo per sconfiggerla è prendere coscienza ma soprattutto consapevolezza.

Inizia ad investire a piccoli passi, con piccole cifre, informandoti e valutando al meglio, coltivando la tua educazione finanziaria, piuttosto che non iniziare proprio, rimandando tutto in un futuro indefinito.

Meno scelta c’è e meglio è  

Addirittura il 77% degli intervistati vorrebbe avere di fronte a sé una scelta più ristretta di strumenti finanziari.

La nostra è infatti un’epoca dominata dal paradosso della scelta: in tutti i campi, siamo sottoposti ad una marea di sollecitazioni tra possibilità diverse, e questo può dare una vertigine che spinge all’immobilismo.

Vuoi uscirne? Vuoi dare un senso alla tua vita da risparmiatore?

se stai leggendo questo articolo è per questo, quindi dedica parte delle tue energie cercando informazioni e studiando per avere una base, poi affidati a chi si occupa di pianificazione finanziaria per farti da guida.

Author:

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.
Cookie policy