NEWS & VIEWS

Le ultime notizie dal panorama finanziario.
Istat conferma, Italia in recessione tecnica

Istat conferma, Italia in recessione tecnica

L’istituto di statistica ha rivisto al rialzo il dato congiunturale del Pil relativo al quarto trimestre 2018 comunicato a fine gennaio (da -0,2% a -0,1%) ma si tratta comunque del secondo trimestre consecutivo di calo, ma dove è finita la crescita di tutta l’area Euro?

La crescita economica non è un problema che riguarda soltanto l’Italia, ma tutta l’eurozona.

Nell’ultimo trimestre del 2018, l’economia italiana è entrata in recessione tecnica (-0,2%), e l’Istat lo ha confermato.

Il tasso di crescita in Europa è il più basso da oltre sei anni (0,2%) e la Germania, prima economia dell’eurozona, ha evitato la recessione tecnica per un soffio (0,02% nell’ultimo trimestre 2018).

A cosa è dovuta la frenata dell’economia europea?

Negli ultimi anni, l’economia tedesca si è confermata locomotiva trainante dell’eurozona. Ha marciato marciato a suon di record della bilancia commerciale, e lo stesso è avvenuto per l’eurozona che dal 2012 in poi è diventata esportatrice netta verso il resto mondo.

Ma la ruota gira fintantoché la domanda proveniente dall’estero continua a crescere. Perché quando un’economia si basa troppo sulle esportazioni finisce per diventare eccessivamente dipendente dalle dinamiche degli altri paesi. Cina in primis. Infatti, con l’avvio della guerra commerciale tra Usa e Cina e con il conseguente rallentamento dell’economia cinese, la Germania (primo partner commerciale per la Cina) sta pagando il conto più salato. E se il vagone di testa della locomotiva europea si ferma, tutti gli altri fanno lo stesso.

Cos’è mancato all’Europa in questi anni?

Dopo la crisi del 2008 il vero grande assente è stata una politica fiscale espansiva. Per mantenere una crescita duratura ma soprattutto diffusa nell’eurozona, non sono bastati 2 trilioni di dollari di cartamoneta stampata dalla BCE. Con l’introduzione del fiscal compact nel 2012, la Commissione Europea ha previsto regole e criteri per monitorare molto più da vicino – ed eventualmente sanzionare – gli Stati Membri che incorrono in deficit e debiti pubblici eccessivi.

Per stare al gioco delle regole europee, i governi degli stati più indebitati sono stati costretti a ridurre i deficit di bilancio e mettere in atto misure di austerità che abbassano la spesa pubblica e aumentano le tasse. Ma costringere i paesi a tirare la cinghia quando l’economia si trova in difficoltà, è come prescrivere la dieta ad un paziente sottopeso e malnutrito.

Di fatto, i governi hanno tolto denaro dall’economia anziché metterne di più in circolazione.

In Italia, dove il tasso di disoccupazione supera il 10%, quello giovanile sfiora il 30%, e con una povertà che è aumentata da 1 a 6 milioni di individui in 10 anni, esclusa la parentesi del 2009 i governi hanno sempre realizzato politiche fiscali restrittive sottostando ai diktat di Bruxelles.

Come ritrovare la crescita?

L’insistenza della Commissione Europea sul fatto che i paesi periferici dell’eurozona continuino a ridurre il deficit di bilancio è assolutamente irragionevole in una situazione di crescita economica molto bassa.

Un appuntamento importante che può portare con se un vento di cambiamento sarà quello delle elezioni politiche europee.

Le ultime proiezioni vedono un sostanziale equilibrio tra eurofili e sovranisti, che sicuramente spingeranno ad un cambio di rotta per evitare il rischio di una rottura definitiva degli equilibri già precari dell’eurozona.

Author:

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.
Cookie policy